Comunicato stampa del PD

Inaccettabile che vengano negati diritti a migliaia di lavoratori

“Dopo la sentenza della Corte europea dei diritti umani, che ha riconosciuto i diritti acquisiti del personale della scuola, il governo non ha più scuse per ritardare un intervento che risolva in modo definitivo l’ingiustizia sociale che stanno subendo migliaia di lavoratori Ata”.

Lo chiede il Pd che, su iniziativa di Rosa De Pasquale, ha depositato una risoluzione, sottoscritta anche da Ghizzoni, Mariani e Mattesini, per porre rimedio alla condizione del personale tecnico e amministrativo delle scuole (Ata) che alla fine degli anni novanta fu trasferito dai ruoli degli enti locali a quelli dello stato con la garanzia del riconoscimento ai fini giuridici ed economici dell’anzianità maturata presso l’ente locale di provenienza.

“Per colpa della Finanziaria per il 2006 del Governo Berlusconi migliaia di lavoratori non hanno invece il giusto riconoscimento dell’anzianità maturata.

Siamo davanti ad una vera e propria ingiustizia sociale che chiediamo al ministro Profumo di superare definitivamente.

L’intervento del Governo non è più rinviabile dopo che, pochi giorni fa, la Corte Europea dei Diritti Umani ha riconosciuto, in via definitiva, i diritti del personale ATA transitati allo stato dal Enti locali ad avere il giusto riconoscimento dell’anzianità maturata”.

La democratica De Pasquale ha illustrato il contenuto della risoluzione alla delegazione del personale Ata che è stata ricevuta questa mattina dalla commissione Cultura della Camera.

Roma, 28 marzo 2012

SEGUE IL TESTO DELLA RISOLUZIONE DEPOSITATA
Risoluzione in Commissione
presentata da :De Pasquale, Ghizzoni, Mariani, Mattesini

Risoluzione in Commissione 7-00825 :Segnali positivi dalla XI Commissione Lavoro dopo il nostro incontro di ieri

fonte:

http://www.deputatipd.it/Select.asp?Section=Discussion&Table=Documents&ID=35534&Mode=Edit&KeyName=ID&KeyValue=35534

Annunci