uni

Continua la deriva di CISL, UIL, SNALS & GILDA, sindacati ormai divenuti gialli ed il cui “curriculum” riepiloghiamo, per motivi di spazio, in un altro documento.

L’ accordo_aran_scatti_2011  sottoscritto il 12 dicembre, oltre ad essere deleterio perché riduce il Fis per quest’anno e per gli anni a venire del 25%, è estremamente pericoloso perché va nella direzione dell’eliminazione sia del Fis chedegli scatti di anzianità, che dovrebbero poi divenire scatti per merito.

In sostanza si vuol dare applicazione al merito Brunettiano, come Snals-Confsal, Cisl e Uil avevanogià sottoscritto il 30/4/2009.

Il Fis per questo anno scolastico sarà quindi ridotto del 30%(un’altra riduzione del 5% infatti era già stata effettuata per finanziare la retromarcia sulle 24 ore).

Se ilrecupero degli scatti per il 2012, 2013 e 2014 avverrà nello stesso modo, nel 2014 ilFis sarà completamente azzerato.

Abbiamo vinto la battaglia sulle 24 ore, cioè sull’aumento a parità di pagadell’orario frontale e adesso la controparte, dopo la ritirata, si prepara adattaccare per un aumento dell’ orario non frontale a parità di paga: chi vorrà lo scatto dovrà meritarselo svolgendo gratis le attività aggiuntive! E questo riguarderà tutti,non solo i docenti di scuola media.

La riduzione peserà in particolar modo sui circoli didattici e gli istituti comprensivi.

Fino ad ora, infatti, il fondo è stato assegnando calcolando 4056 euro per ciascun “punto di erogazione”: in pratica su questa voce un circolo didattico o uncomprensivo con 10 sedi aveva diritto a 40mila euro circa; a seguito dell’accordo sugli scatti stipendiali cambia il parametro (3.673 euro circa), con una perdita di 3.500 euro.

Fino al 2011/2012 per ciascun addetto si calcolavano 800 euro circa, d’ora in avanti bisognerà fare conto su 534 euro: un comprensivo di 120 addetti ci perderà più di 30mila euro.

Resta invece invariato il parametro per le scuole secondarie di secondo grado (857 euro per addetto).

Questi sono le riduzioni previste per il solo scatto 2011:

riduzione

UNA SOLUZIONE C’E’: TOGLIERE LA DELEGA A CHI SVENDE I LAVORATORI

I SINDACATI DI REGIME CONFSAL, CISL, UIL & GILDA

CONTINUANO A SOTTOSCRIVERE ACCORDI CAPESTRO COL

GOVERNO, FERMIAMOLI PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

REVOCHE DI MASSA

IL PERICOLOSO “CURRICULUM” DEI SUDDETTI SINDACATI GIALLI:

1. Il 30/10/2008, il pomeriggio del più grande sciopero e della più grande manifestazione che la scuola pubblica abbia mai conosciuto, i sindacati CONFSAL (la Confederazione di cui fa parte lo SNALS), CISL e UIL hanno sottoscritto col governo il protocollo d’intesa circa la revisione inpeggio degli accordi del luglio 1993, riguardanti gli assetti contrattuali,prevedendo addirittura che il settore pubblico doveva fare da apripista aquello privato;

2. Il 22/1/2009 CONFSAL, CISL e UIL hanno sottoscritto “l’accordo quadro sulla riforma degli assetti contrattuali” con governo e confindustria che prevede, tra l’altro, la possibilità nei contratti di secondo livello (aziendali,territoriali) di derogare in peggio dal contratto nazionale sia per la parte normativa che economica. Previsto anche di limitare il diritto di sciopero ai soli sindacati “firmatari” di contratto.

3. Il 30/4/2009 CONFSAL, CISL e UIL hanno firmato col governo l’intesa per applicare l’accordo del 22/1/09 al settore pubblico dove, oltre alla triennalizzazione dei contratti, viene recepita tutte la normativa sulla valutazione della “performance” prodotta da Brunetta (legge 15/2009) che vuole dividere i lavoratori in un 25% di meritevoli, un 50% di mezze cartucce ed un 25% di ignavi degni di punizione.

4. Il 4/2/2011 CONFSAL, CISL e UIL hanno firmato col governo l’intesa per “la regolazione del regime transitorio” dove recepiscono appieno il congelamento della contrattazione fino al 2013 inserendo la ridicola clausola che perlomeno “le retribuzioni non devono diminuire”.I soldi necessari per la performance poi dovranno essere recuperati dai tagli. Come contropartita i suddetti sindacati vengono inseriti nelle commissioni bilaterali di monitoraggio. Alla fine un’oscura clausola che sembra voler garantire ai soli firmatari i diritti sindacali.

5. Il 4/8/2011 SNALS-CONFSAL, CISL, UIL e GILDA hanno sottoscritto la modifica al CCNL per cui il primo scatto di gradone avviene solo dopo 9 anni e non 3. Questo per fregare i neoimmessi in ruolo e comunque tutti coloro che non avevano ancora maturato il primo scatto di gradone.

6. Il 21/11/2012 CISL e UIL hanno sottoscritto insieme a Confindustria l’accordo sulla produttività: viene fatto definitivamente fuori il contratto collettivo nazionale che si legge nel testo, “deve prevedere una chiara delega al secondo livello di contrattazione” per materie quali “la prestazione lavorativa, gli orari e l’organizzazione del lavoro”.Il modello Marchionne viene quindi applicato a tutti. (sicuramente anche

SNALS e GILDA si accoderanno quando si applicherà alla scuola: è già scritto nella norma programmatica della intesa sugli scatti firmata il 12/12/2012).

7. Il 12/12/2012 SNALS-CONFSAL, CISL, UIL e GILDA hanno sottoscritto l’accordo sul “recupero degli scatti 2011” che apre la strada all’azzeramento del FIS nel 2014 ed alla trasformazione degli scatti di anzianità in scatti di merito come previsto dall’accordo sulla produttività: chi vorrà lo scatto di gradone, trasformato per incanto in scatto per “merito”, dovrà svolgere le attività aggiuntive GRATIS!

E’ evidente che ormai SNALS-CONFSAL, CISL ,UIL & GILDA hanno intrapreso un percorso contrario agli interessi dei lavoratori, tutto teso a penalizzarli e dividerli appoggiando le scelte della controparte ma il pericolo maggiore deve ancora venire. Infatti l’allargamento dell’accordo sulla produttività alla scuola segnerà anche per essa la fine del contratto nazionale:

 

DOBBIAMO FERMARLI PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI!

I sindacati gialli CISL, UIL e SNALS-CONFSAL & GILDA rappresentano attualmente nella scuola la maggioranza dei sindacalizzati e quindi i contratti che firmano, in base all’attuale normativa, sono validi e valgono per tutti.

L’UNICO MODO PER FERMARLI E’ TOGLIERE LORO LARAPPRESENTATIVITA’, FARE IN MODO CHE NON RAPPRESENTINOPIU’ LA MAGGIORANZA DEI SINDACALIZZZATI, REVOCARE LORO LADELEGA SINDACALE PERCHE’ NON ABBIANO PIU’ IL POTERE DIFIRMARE DA SOLI PER TUTTI. PER QUESTA RAGIONE INVITIAMOGLI ISCRITTI A SNALS, CISL, UIL E GILDA A REVOCARE LA DELEGAA DETTI SINDACATI.

FACCIAMO REVOCHE DI MASSA

COME AL TEMPO DEL CONCORSONE

 

STAMPATE I DUE VOLANTINI IN ALLEGATO DIFFONDETE.